Vulva

LABIOPLASTICA

Durante la pubertá lo stimolo ormonale puó provocare uno sviluppo delle piccole labbra vulvari (labia minora) che possono sporgere rispetto alle grandi. Questa situazione anatomica, caratteristica delle giovani donne, porta disagi quando si indossano perizomi o jeans molto attillati; talvolta problemi funzionali (fastidi, arrossamenti) legati all’ esercizio di attività sportive e, inoltre, l´insicurezza e l´inesperienza in ambito sessuale può conduce a blocchi psicologici difficilmente superabili.

Tale sproporzione puó essere facilmente corretta con un semplice intervento di riduzione chirurgica o labioplastica. E’ un intervento piuttosto semplice, viene effettuato mediante una semplice escissione della parte eccedente delle piccole labbra, in anestesia locale o con l´ausilio di una sedazione, in base alle preferenze della paziente, in modo da riportarle allo stesso livello l’apertura vaginale. Grazie a questa procedura, anche quest’intima parte del corpo femminile diventerà esteticamente più bella e sensuale e sarà anche molto più “funzionale”.

Le suture impiegate sono riassorbibili e si dissolvono normalmente in 2-3 settimane. Gonfiore e piccoli lividi possono essere visibili per 7-10 giorni. Il successo estetico e funzionale é ottimale, se ben eseguito, e la ripresa della normale attivitá sessuale puó avvenire entro 30 giorni.

RINGIOVANIMENTO VULVARE

In etá avanzata spesso le grandi labbra vulvari si svuotano, perdono il loro turgore e acquisiscono un aspetto cadente, visione che mal si adatta all´immagine estetica della donna matura di oggi. Negli ultimi anni il pensiero di estetica dei genitali ha subito un cambiamento importante. La diversa velocitá con cui invecchiano i genitali esterni, maschili e femminili e l´aumento di coppie molto distanti come etá, ha determinato un nuovo approccio verso il ringiovanimento vulvare.

La soluzione ce la da l´intervento di lipofilling. Si tratta di una semplice aspirazione di tessuto adiposo da altre zone del corpo, di solito dall´addome ,dalle cosce o dalle ginocchia, dove sono abbondanti le cellule staminali adipose piú vitali e inclini all´attecchimento. Si procede, quindi, al riposizionamento del grasso nelle zone interessate tramite microcannule. L´intervento viene eseguito ambulatorialmente, o in day hospital, con una leggera sedazione e ha tempi di recupero molto rapidi. Il dolore è nullo o scarso, la paziente può riprendere a svolgere praticamente da subito la maggior parte delle comuni attività quotidiane, ed è possibile lavare la parte sin dal giorno dopo. Dopo circa 20 giorni è possibile riprendere palestra e piscina. Dopo 25-30 giorni è possibile avere nuovamente rapporti sessuali.

PRP VULVARE

Si tratta di un’innovativa metodica non invasiva che permette, mediante l’infiltrazione del proprio stesso plasma arricchito di piastrine e fattori di crescita, sia di migliorare l’aspetto esteriore della vulva (grandi labbra) dal punto di vista del tono e trofismo, sia di ridurre sensibilmente secchezza vaginale e disturbi correlati (bruciore, prurito, dispareunia, cioè dolore durante i rapporti sessuali), tipici della menopausa. Il PRP vulvare è quindi indicato sia per donne in età fertile che presentano grandi labbra ipotrofiche (assottigliate), ipotoniche e con scarso turgore e che desiderano, quindi, migliorare l’estetica della vulva, sia per donne in peri- o post-menopausa che lamentano secchezza vaginale e difficoltà durante i rapporti sessuali.

 Le piastrine liberano dei fattori di crescita (in particolare il PDGF, Platelet Derived Growth Factor) che promuovono la neosintesi di collagene, elastina ed acido ialuronico da parte dei fibroblasti, ed in questo modo stimolano ed accelerano il naturale processo di rinnovamento della cute vulvare e ne migliorano tono e trofismo. Il protocollo prevede 3 sedute di PRP a distanza di circa 6 settimane e l’associazione con prodotti topici ed integratori da assumere per bocca a base di sostanze che implementano l’idratazione della mucosa (fitoestrogeni, acido ialuronico).

La procedura

Prima di procedere con le infiltrazioni, si applica sulla vulva un impacco di crema anestetica in occlusione da tenere in posa per circa 30 minuti. In questo modo è possibile ottenere un’ottima anestesia della zona da trattare. In seguito viene effettuata l’infiltrazione di PRP nel derma delle grandi e piccole labbra mediante un ago sottilissimo. Non è necessario praticare alcuna sedazione e la paziente non necessita di ricovero, ma può tornare a casa appena terminata le procedura.

Il dolore sia durante che dopo la procedura è nullo o scarso e la paziente può tornare a casa immediatamente dopo il trattamento e può riprendere a svolgere praticamente da subito la maggior parte delle comuni attività quotidiane. Si consiglia di evitare sauna, bagno turco e docce molto calde per una settimana. Dopo 48 ore è possibile fare sport ed avere rapporti sessuali.

Metodiche complementari

Molte donne che decidono di effettuare il PRP vulvare scelgono di associare a questa procedura altre metodiche di chirurgia intima femminile, come la labioplastica, il lipofilling delle grandi labbra, la riduzione del cappuccio clitorideo, la liposuzione/lifting del Monte di Venere, il ringiovanimento del punto G.


RINGIOVANIMENTO DEL PUNTO G

IL PUNTO G: CHIMERA O REALTA’?

Senza dubbio realtá. Esperti anatomopatologi lo hanno localizzato da tempo. Si tratta di un piccolo organello situato sulla parete vaginale anteriore, sotto l´uretra all´incirca al suo terzo medio, composto da clitoride interno e piccoli vasi cavernosi, come quelli pelvici. Non in tutte le donne il punto G è ugualmente sviluppato ed esteso, cosí come non in tutte le donne dona le stesse sensazioni. In alcune situazioni, dopo accurata anamnesi sessuologica, è possibile modificare le stimolazioni, che il punto G è in grado di dare, semplicemente aumentandone la sua estensione.

Piccole infiltrazioni locali di acido ialuronico, sostanza naturale e completamente compatibile con i tessuti interessati, possono aumentare volume e dimensioni del punto G, migliorandone naturalmente la sensibilitá, cosí da potenziare la sessualitá femminile.

Intervento indolore, da eseguire ambulatorialmente, assolutamente non invasivo e ripetibile e diretto a donne di ogni etá.