Addominoplastica

ADDOMINOPLASTICA

L’addominoplastica è l’intervento di chirurgia estetica addominale dedicato alla correzione dell’addome globoso e rilassato. La procedura prevede l’asportazione chirurgica dell’adiposità localizzata e dell’eccesso cutaneo addominale. Tale manovra è finalizzata all’ottenimento di un addome piatto e sodo. In alcuni pazienti si può verificare anche un rilassamento della struttura muscolare, in questi casi l’addominoplastica prevede la sutura della muscolatura per ridare tono ai muscoli retti addominali.

L´intervento è consigliato alla seguente tipologia di pazienti:

• addome globoso o pendulo;

• perdita di contenimento muscolare addominale post gravidanza;

• presenza di notevole quantità di pelle rilassata, con o senza eccesso di tessuto adiposo, conseguenza di eccessivi dimagrimenti e/o interventi chirurgici pregressi;

• presenza di persistente tessuto adiposo e/o pelle nonostante dieta o esercizio fisico;

• persone magre con pelle flaccida e smagliata a livello addominale;

• presenza di ernie ombelicali, epigastriche o ipogastriche;

• pazienti al termine o durante procedure di chirurgia bariatrica;

L’addominoplastica si può eseguire da sola o in abbinamento con una liposuzione al fine di migliorare ulteriormente i profili corporei. L’addominoplastica non deve essere intesa come un intervento per trattare l’obesità sebbene possa aiutare i pazienti ex obesi a riconquistare la propria forma.

 

In cosa consiste l’addominoplastica

L’intervento di addominoplastica si esegue in sedazione profonda con anestesia localegenerale o con tecnica spinale. Lo schema chirurgico dell’addominoplastica prevede una cicatrice lunga da una spina iliaca all’altra ed una cicatrice attorno all’ombelico. In alcuni casi selezionati è possibile effettuare anche una miniaddominoplastica, che prevede una cicatrice orizzontale ridotta, senza trasposizione dell´ombelico e minimi scollamenti chirurgici. Durante l´intervento vengono riposizionati i muscoli retti ed obliqui addominali, per dare un valido contenimento agli organi interni. L’entità dell’estensione chirurgica a livello addominale dipenderà dal grado di rilassamento muscolare e dalla presenza più o meno importante di grasso e/o pelle da rimuovere. Se necessario  si potrà associare una liposuzione dei fianchi e della regione pubica, per dare una maggiore definizione al profilo addominale. Se il paziente ha una buona capacità di cicatrizzazione ed evita eccessivi movimenti nel periodo di convalescenza, la cicatrice sarà sottile e filiforme. Il posizionamento della stessa è tale per cui è nascondibile con un normale indumento intimo. Durante i primi mesi la cicatrice sarà più evidente visto il colore rossastro post chirurgico, mentre nei mesi successivi tenderà a sbiadire. Dopo l´intervento è opportuno rimanere in clinica un giorno o secondo necessità del paziente ed il parere del chirurgo.

Addominoplastica: Post operatorio

Il paziente nell’ immediato post operatorio ha posizionato un bendaggio elasto-compressivo che ha la funzione di contenere l’edema (gonfiore) della zona operata e favorire la corretta postura durante la guarigione. Grazie al tipo di anestesia la ripresa post operatoria è praticamente immediata.  Addirittura il paziente verrà fatto deambulare già dopo poche ore dall’ intervento, ciò anche al fine di riattivare la circolazione sanguigna.

Alla fine della procedura chirurgica addominale verranno posizionati due drenaggi con la finalità di fare defluire eventuali raccolte sierose. Questi verranno rimossi entro le prime 24 ore. Il paziente sarà tenuto ad osservare con attenzione le indicazioni post operatorie impartite dal chirurgo plastico al momento della dimissione. In particolare dovrà assumere i farmaci prescritti, rimanere a riposo, evitare di assumere una postura eccessivamente eretta e di fare sforzi fisici.
Il dolore nel post operatorio è di solito contenuto in quanto la tecnica impiegata permette una minore durata del trauma chirurgico con una conseguente minore perdita ematica e ridotto edema. L’eventuale caso di insofferenza al dolore potrà essere gestito con la somministrazione di analgesici per via orale. Trascorse in media due o tre settimane, in base alle caratteristiche individuali e al tipo di intervento subito, il paziente può riprendere le sue normali attività quotidiane. L’attività sportiva, invece, potrà essere ripresa progressivamente dopo 30 giorni dall’intervento senza esagerare con sforzi eccessivi. Si ricorda che la cicatrice è ancora recente ed viene influenzata negativamente dalla trazione fisica. Per prevenire l’allargamento della cicatrice è necessario attendere la completa stabilizzazione della stessa prima di sottoporla a stress fisico.

Complicanze dell’addominoplastica

Sieromi, piccoli ematomi, alterazione temporanea della sensibilità cutanea, piccole aree di sofferenza cutanea della cicatrice potrebbero essere le normali complicanze, facilmente risolvibili senza compromettere il risultato finale dell’intervento. Maggiore attenzione richiede il post operatorio dei forti fumatori, a causa di una ridotta circolazione sanguigna.

Il risultato dell’addominoplastica

Per i candidati adatti all’intervento, il risultato dell’addominoplastica sarà sorprendente. Il paziente prima dell’intervento si presenta con l’addome adiposo e cadente; incontra difficoltà nel vestirsi e disagio nel mostrarsi in costume da bagno. La stessa mobilità del paziente può essere impacciata dal volume addominale. Il risultato dell’ addominoplastica è tale da consentire al paziente di scegliere vestiti più snelli e di mostrarsi con una certa confidenza anche con un adeguato costume da bagno. Liberati dal peso e dal disagio si potrà presentare più agile e dinamico. Con l’addominoplastica, l’addome viene rassodato e le pieghe addominali eliminate. La sottile cicatrice che rimarrà sarà facilmente nascosta sotto uno slip. Il risultato finale sarà comunque legato a fattori come stile di vita, sbalzi ponderali ed invecchiamento.